Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Come registrare una nascita in Italia (e richiedere il primo passaporto)

 

CONTENUTI

  • Informazioni generali su come registrare una nascita in Italia
  • Quali requisiti devo possedere per registrare una nascita
  • Documentazione richiesta per la registrazione
  • Documentazione necessaria per casi specifici
  1. Minore nato nel Regno Unito
  2. Minore nato in un paese straniero diverso dal Regno Unito
  • Quali documenti devo presentare se possiedo un certificato di nascita multilingue
  • Come si svolge l’iter di registrazione
  • Cosa succede dopo che la documentazione è stata inviata al Comune
  • Risposte a domande frequenti (FAQ)

 

INFORMAZIONI GENERALI SU COME REGISTRARE UNA NASCITA IN ITALIA

I figli di cittadini italiani, anche se nati all’estero sono cittadini italiani: di conseguenza anche la loro nascita dovrà essere registrata in Italia.

La registrazione della nascita

  • Consente l’iscrizione all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.)
  • E’ un requisito necessario per una eventuale richiesta di passaporto italiano.

NOTA BENE: Le richieste dei connazionali vengono elaborate nell’ordine cronologico di arrivo presso l’Ufficio di Stato Civile. Attualmente, il tempo di lavorazione delle pratiche, che si conclude con la trasmissione dell’atto al Comune AIRE di riferimento, è di circa dieci settimane.  Alla trasmissione dell’atto, verrà inviata al richiedente una conferma tramite email.  Si prega di verificare la ricezione anche nella casella di posta indesiderata (spam). Dal momento della ricezione della mail, il connazionale potrà verificare direttamente con il Comune l’avvenuta trascrizione.

Le domande che perverranno incomplete verranno restituite all’indirizzo indicato sulla busta pre-affrancata, includendo una lettera che indicherà i documenti da integrare .

ATTENZIONE: Non saranno fornite risposte alle email:

  • che richiedono conferma di avvenuta ricezione della documentazione, poiché questa informazione può essere ottenuta dal sito della Royal Mail alla pagina “Track your item“;
  • a quelle relative allo stato della pratica, prima che sia trascorso il tempo di elaborazione indicato (attualmente circa 10 settimane).

 

QUALI REQUISITI DEVO POSSEDERE PER REGISTRARE UNA NASCITA

  • I genitori devono essere residenti nella circoscrizione di questo Consolato, che comprende: Sud dell’Inghilterra, Galles, Isole Normanne, Gibilterra, i Territori della Georgia del Sud e delle Sandwich Australi. I residenti nelle circoscrizioni di Manchester ed Edimburgo dovranno contattare gli Uffici Consolari competenti del loro territorio: Rete Consolare –  cliccare qui.
  • Almeno uno dei genitori deve possedere cittadinanza italiana ed essere normalmente iscritto all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero, presso questa circoscrizione (Link: Come iscriversi all’A.I.R.E.).
  • Qualsiasi matrimonio o divorzio avvenuto prima della nascita del minore deve essere stato registrato in Italia (Link a: Come registrare un matrimonioCome registrare una sentenza di divorzio).

 

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER LA REGISTRAZIONE

  1. Modulo di richiesta di trascrizione del certificato di nascita (cliccare qui, Mod. n.14) compilato in tutte le sue parti e firmato da entrambi i genitori. Se entrambi i genitori sono iscritti all’A.I.R.E. di due comuni diversi, nel modulo di richiesta va indicato il Comune A.I.R.E. di preferenza, a propria scelta. Se il minore possiede esclusivamente la cittadinanza italiana e si desidera aggiungere il cognome materno a quello paterno, è necessario presentare contestualmente anche un’istanza di attribuzione di dati anagrafici (cliccare qui – Mod. n.15).
  2. Fotocopia del passaporto o della carta d’identità validi di entrambi i genitori.
  3. Eventuale fotocopia del passaporto straniero o della carta d’identità del minore per il quale si richiede la registrazione della nascita, se ne è in possesso.
  4. Busta Special Delivery pre-affrancata (con francobollo non datato), acquistabile presso gli Uffici Postali, completa del vostro attuale indirizzo scritto sulla busta nella sezione dedicata al destinatario, per eventuali richieste di ulteriori documenti integrativi.
  5. Documentazione specifica sotto indicata, per il caso del minore nato nel Regno Unito o del minore nato in un Paese straniero diverso dal Regno Unito (v. sotto CASI SPECIFICI).

 

DOCUMENTAZIONE AGGIUNTIVA PER CASI SPECIFICI

  1. Minore nato nel Regno Unito;
  2. Minore nato in un Paese straniero diverso dal Regno Unito.

NOTA BENE: Coloro che sono nati in Italia avranno automaticamente l’atto di nascita trascritto presso il Comune alla nascita.

 

1. MINORE NATO NEL REGNO UNITO

In aggiunta alla documentazione indicata alla voce “Documentazione necessaria” (in alto nella pagina), presentare anche:

  1. Certificato di nascita, originale ed integrale, britannico Full birth certificate, che viene rilasciato sotto forma di “Certified Copy of an Entry of Birth”. Questo deve essere rilasciata dal Registry Office britannico (non si accettano fotocopie).

ATTENZIONE: Se alla nascita del minore i genitori non erano sposati, l’atto di nascita deve obbligatoriamente riportare sul certificato (al punto 12 “Informant”) entrambi i genitori “Mother” e “Father” in qualità di dichiaranti.

Se il certificato riporta un solo dichiarante (“Mother” oppure “Father”), è necessario integrare la documentazione con un Atto di Riconoscimento del figlio nato fuori dal matrimonio, ottenibile rivolgendosi all’Ufficio Notarile di questo Consolato (Servizi Notarili – cliccare qui).

Se invece alla nascita del minore i genitori erano sposati, e l’atto di matrimonio risulta trascritto in Italia, allora l’atto di nascita può riportare un solo dichiarante (“Mother” oppure “Father” nella sezione “Informant”).

  1. Legalizzazione del Certificato di Nascita britannico

L’atto di nascita deve essere legalizzato (Apostillato) per poter essere trascritto in Italia.  Pertanto, è necessario inviare l’atto di nascita originale al Legalization Office del Foreign and Commonwealth Office britannico per la legalizzazione (clicca qui).

ATTENZIONE: L’Apostille deve riportare solo la legalizzazione della firma del funzionario  dello stato civile indicato sul certificato di nascita. Legalizzazioni di firme di notai, avvocati ecc.(es. UK notary or solicitor) non saranno accettate.

  1. Traduzione italiana del Certificato di nascita originale ed integrale britannico

L’atto di nascita britannico deve essere tradotto per poter essere inviato al Comune in Italia (non è necessario tradurre la Apostille).  Il ricorso a traduttori professionisti è sempre consigliato, per evitare errori di traduzione che possano ostacolare la trascrizione da parte dei Comuni italiani.  Qualora necessario è possibile consultare la pagina dedicata sul nostro sito: cliccare qui (questo Consolato non fornisce servizi di traduzione).

 

2. MINORE NATO IN PAESE STRANIERO, DIVERSO DAL REGNO UNITO

In aggiunta alla documentazione indicata alla voce “Documentazione necessaria per la Registrazione” (in alto nella pagina), presentare anche:

  1. Certificato di nascita originale ed integrale rilasciato dalle autorità competenti nel Paese in cui è avvenuta la nascita (per esempio: se la nascita è avvenuta in Brasile, l’ufficio competente è il Cartório).

ATTENZIONE: Se alla nascita del minore i genitori non erano sposati, l’atto di nascita deve obbligatoriamente riportare i nomi di entrambi i genitori come dichiaranti.  Se l’atto di nascita riporta solo il nome del padre oppure solo quello della madre, è necessario integrare la documentazione con un Atto di Riconoscimento del figlio nato fuori dal matrimonio, ottenibile presso l’Ufficio Notarile di questo Consolato (Servizi Notarili – cliccare qui)

Se invece alla nascita del minore i genitori erano sposati, e l’atto di matrimonio e già registrato in Italia, l’atto di nascita può riportare il nome di uno solo dei genitori.

  1. Legalizzazione dell’Atto di Nascita straniero non britannico

L’atto di nascita deve essere legalizzato per poter essere trascritto in Italia.  Metodi di legalizzazione diversi si applicano a seconda se il Paese in cui è stato emesso l’atto sia firmatario o meno della Convenzione dell’Aja del 1961.  Per la lista completa dei Paesi firmatari cliccare qui.

  • CASO A – Paesi firmatari della Convenzione dell’Aja del 1961

Se il Paese di nascita del minore è incluso nella lista dei Paesi aderenti, il certificato di nascita originale ed integrale deve essere inviato all’autorità straniera competente per l’apposizione della apostilla (per esempio: per i certificati di nascita brasiliani, l’autorità competente per la legalizzazione è il Cartório).

OPPURE

  • CASO B – Tutti gli altri Paesi non compresi nella Convenzione1961

Se il Paese di nascita del minore NON è incluso nella lista dei Paesi aderenti, il certificato di nascita originale ed integrale deve essere legalizzato dalla Ambasciata o Consolato italiani, competente per il luogo di rilascio del certificato (ad esempio: per i certificati di nascita ghanesi, la rappresentanza italiana competente per la legalizzazione è l’Ambasciata d’Italia ad Accra, per chi è nato ad Islamabad la rappresentanza competente sarà l’Ambasciata italiana in Pakistan.

  1. Traduzione italiana del Certificato di Nascita straniero NON britannico

L’atto di nascita straniero deve essere tradotto in italiano per poter essere inviato al Comune in Italia (non è necessario tradurre la Apostilla).  La traduzione deve essere effettuata da un traduttore professionista.  Per una lista di traduttori professionisti si veda la pagina dedicata sui siti consolari competenti.

  1. Legalizzazione della Traduzione italiana del Certificato di Nascita straniero NON britannico

Per i certificati originariamente prodotti in lingue diverse dall’inglese, è necessaria la legalizzazione della traduzione dell’atto di nascita.  Metodi di legalizzazione diversi si applicano a seconda se il Paese in cui l’atto è stato emesso sia firmatario o meno della Convenzione dell’Aja del 1961.  Per la lista completa dei Paesi firmatari cliccare qui.

  • CASO A – Paesi firmatari della Convenzione dell’Aja del 1961

Se il Paese di nascita del minore è incluso nella lista dei Paesi aderenti, la traduzione del certificato di nascita deve essere inviata all’autorità straniera predisposta per l’apposizione dell’Apostille (per esempio: per i certificati di nascita brasiliani, l’autorità competente per la legalizzazione della traduzione è il Cartório).

OPPURE

  • CASO B – Tutti gli altri Paesi non firmatari della Convenzione dell’Aja del 1961

Se il Paese di nascita del minore NON è incluso nella lista dei Paesi aderenti, la traduzione del certificato di nascita originale deve essere legalizzato dalla Ambasciata o Consolato italiani, competente per il luogo di rilascio del certificato (ad esempio: per i certificati di nascita ghanesi, la rappresentanza italiana competente per la legalizzazione è l’Ambasciata d’Italia ad Accra, per chi è nato ad Islamabad la rappresentanza competente sarà l’Ambasciata italiana in Pakistan).

ATTENZIONE: Per i certificati di nascita originariamente prodotti in lingua inglese (per esempio: certificati statunitensi, australiani etc.) NON è necessario legalizzare la traduzione italiana (sarà questo Consolato a certificare la stessa).

 

QUALI DOCUMENTI DEVO PRESENTARE SE POSSIEDO UN CERTIFICATO DI NASCITA MULTILINGUE

I certificati di nascita multilingue, rilasciati dagli Stati firmatari della Convenzione di Vienna dell’8 Settembre 1976, sono esenti sia da legalizzazione/Apostille che da traduzione.

Gli stati aderenti sono: Austria, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Capo Verde, Croazia, Estonia, Francia, Germania, Italia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia del Nord, Moldova, Montenegro, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Serbia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Turchia.

Si prega notare che l’Albania non fa parte della suddetta convenzione.  I certificati multilingue emessi da tale Stato devono pertanto essere apostillati insieme alla traduzione in italiano.

Se si possiede un certificato di nascita plurilingue rilasciato da uno dei paesi sopra elencati, occorre presentare, oltre al certificato, solo la documentazione indicata alla voce Documentazione necessaria per la Registrazione” (in alto nella pagina).

 

COME SI SVOLGE L’ITER DI REGISTRAZIONE

  • SPEDIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AL CONSOLATO

La Documentazione necessaria è quella specifica per il vostro caso (a seconda che il minore sia nato nel Regno Unito o in un altro paese straniero). Questa deve essere inviata tramite Special Delivery all’Ufficio di Stato Civile. Per verificare la ricezione del plico da parte del Consolato, utilizzare il servizio di tracciamento della Royal Mail: “Track your item“. Indirizzo di spedizione:

CONSOLATO GENERALE D’ITALIA – LONDRA

Ufficio Stato Civile

“Harp House”, 83/86 Farringdon Street

EC4A 4BL  London

 Se si richiede contestualmente il RILASCIO DEL PRIMO PASSAPORTO (solo per bambini da 0-11 anni), si prega di inviare entrambe le richieste insieme nello stesso plico. Troverete le informazioni sulla documentazione necessaria nella sezione dedicata del sito – cliccare qui.  Informazioni sulla modulistica necessaria per la richiesta del passaporto vanno verificate sul sito nella sezione specifica e richieste di chiarimento sulla documentazione vanno inoltrate all’Ufficio Passaporticliccare qui).

  • VERIFICA E TRASMISSIONE DEI DOCUMENTI DA PARTE DEL CONSOLATO

L’Ufficio di Stato Civile esaminerà la documentazione ricevuta.  Se la documentazione è completa, l’Ufficio di Stato Civile la trasmetterà al Comune via PEC.  Al connazionale verrà inviata un’email di conferma della trasmissione.  Si prega di controllare anche la casella di posta indesiderata (spam).

Se la documentazione non è completa, sarà restituita all’indirizzo indicato sulla busta pre-affrancata, includendo una lettera che indicherà i documenti da integrare.

  • (EVENTUALE) RILASCIO DEL PRIMO PASSAPORTO: Se alla richiesta di trascrizione della nascita è stata inclusa anche la richiesta di rilascio del primo passaporto, una volta trasmessa la nascita al Comune AIRE via PEC, la pratica verrà trasferita all’Ufficio Passaporti per la lavorazione. Dal momento della ricezione della nostra mail di trasmissione al Comune, la pratica è trasferita all’Ufficio Passaporti e non è più di competenza di questo ufficio. Per ricevere ulteriori informazioni sui tempi di attesa e sullo stato di lavorazione della pratica di passaporto

 

COSA SUCCEDE DOPO CHE LA DOCUMENTAZIONE È STATA INVIATA AL COMUNE

Una volta che questo Consolato avrà trasmesso la richiesta di trascrizione della nascita, il Comune provvederà a registrare l’atto nei propri registri anagrafici, a seconda delle proprie tempistiche di ufficio. Per aggiornamenti sulla registrazione da parte del Comune, si pregano i connazionali di contattare direttamente il Comune AIRE di riferimento o verificare la scheda anagrafica sul portale ANPR del Ministero dell’Interno.

 

RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI

INFORMAZIONI GENERALI

Mio figlio (o figlia) minorenne è nato all’estero: come può ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana?

I figli minori nati da genitore italiano ricevono automaticamente il riconoscimento della cittadinanza italiana da parte del Comune in Italia contestualmente alla registrazione della nascita.

Cosa succede se non registro la nascita di mio figlio (o figlia) quando è minorenne?

Gli adulti residenti in questa circoscrizione consolare che non abbiano mai avuto trascritto in Italia il proprio atto di nascita e che non abbiano mai posseduto un documento di identità italiano, devono rivolgersi all’ufficio  “Cittadinanza” di questo Consolato (cliccare qui).

Come iscrivo mio figlio o figlia all’A.I.R.E.?

L’iscrizione A.I.R.E. è effettuata dal Comune in Italia contestualmente alla registrazione della nascita.

Quanto costa registrare una nascita in Italia?

La trascrizione dell’atto di nascita iniziata da questo Consolato e completata dal Comune italiano è completamente gratuita.  

 

REQUISITI

Come posso effettuare l’iscrizione all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E)?

L’iscrizione all’A.I.R.E. avviene attraverso la presentazione di una dichiarazione da parte dell’interessato tramite il portale Fast It (Come iscriversi all’AIRE: cliccare qui)

Vorrei registrare una nascita ma non ho mai registrato il mio matrimonio o divorzio, cosa devo fare?

Matrimoni o divorzi avvenuti prima della nascita del minore devono essere stati registrati in Italia.  Segui l’iter di registrazione indicato qui: Come registrare un matrimonioCome registrare una sentenza di divorzio).

 

ITER DI REGISTRAZIONE

Come posso prenotare un appuntamento per registrare una nascita?

La trascrizione dell’atto di nascita non richiede un appuntamento e la documentazione deve essere inviata al nostro Ufficio di Stato Civile tramite posta Special Delivery.

Ho inviato la documentazione richiesta, come faccio a sapere se l’avete ricevuta?

Per tracciare la spedizione e ricevere la conferma della ricezione dei documenti da parte del Consolato, inserire il tracking number di spedizione sul sito della Royal Mail: cliccare qui.

Posso inviare via email la documentazione per registrare una nascita?

Poiché questo Consolato necessita dei certificati di nascita originali, purtroppo non è possibile accettare le richieste di registrazione dei connazionali via email.

 

ESITO

Posso richiedere il rilascio del passaporto in un momento successivo alla richiesta della nascita?

Si, è possibile.  Per l’inoltro della richiesta, si prega di consultare la relativa pagina sul sito del consolato per informazioni sulla modulistica, tempi di attesa e sulla procedura da seguire: cliccare qui.

Mi restituirete i documenti originali che vi ho inviato?

Questo Consolato non può restituire gli atti di nascita originali in quanto per legge vanno custoditi nell’archivio di questo consolato.  Il connazionale potrà richiederne ulteriore copia all’autorità che li ha prodotti.

Come posso verificare lo stato di trascrizione della nascita?

È possibile verificare lo stato della trascrizione richiedendo un aggiornamento al Comune al quale è stata inviata la richiesta di registrazione della nascita.  In alternativa, è possibile verificare se la trascrizione è stata completata accedendo al proprio profilo sul sito dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR, cliccare qui).

Riceverò il certificato di nascita in italiano alla fine della registrazione?

Dal momento che i Consolati non sono abilitati al rilascio dei certificati anagrafici, di nascita, matrimonio e morte, il certificato di nascita in italiano potrà essere richiesto direttamente al Comune dopo che l’atto sarà stato trascritto.  In alternativa, è possibile scaricarlo dall’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR, cliccare qui).